Contatta ora la nostra assistenza gratuita

3 commenti su “Impianti di Biossido di Cloro e Legionella”

  1. Claudio Burchielli

    Buongiorno
    grazie per i vs. interessanti contributi e informazioni.
    Volevo sapere cortesemente se il biossido di cloro stabilizzato e preparato in situ è incluso nella normativa europea sui biocidi per l’utilizzo come sanitizzante su acqua potabile.
    Sarei interessato a questa informazione perchè mi sembra che non ci sia molta chiarezza su questo argomento così importante

    1. Buongiorno Claudio, questo è quanto il nostro ufficio tecnico ha trovato rispetto al tuo quesito:

      IMPATTO DELLA REGOLAZIONE EUROPEA SUI PRODOTTI BIOCIDI PRODOTTI IN SITU

      La Normativa Europea sui prodotti biocidi (Regulation
      (EU) No. 528/2012) impone che i prodotti biocidi debbano essere resi disponibili sul mercato solo qualora siano certificati in accordo con questa Normativa. A differenza della precedente legislazione sui prodotti biocidi, le cosiddette procedure in situ, come ad esempio la produzione di biossido di cloro o di ozono, ricadono attualmente sotto questa certificazione. Questo significa che chiunque generi prodotti in situ, avrà bisogno di certificarli.
      Questo richiede tempo e denaro per ottenere la certificazione.

      Lo scopo di questa Normativa è migliorare il funzionamento del mercato Europeo armonizzando le specifiche per l’approvvigionamento e l’utilizzo di prodotti biocidi, garantendo allo stesso tempo un alto livello di protezione per l’uomo, gli animali e l’ambiente. I requisiti di questa normativa sono basati sul principio di precauzione, che mira ad assicurare protezione a uomo, animale e ambiente. Particolare attenzione è dedicata alla protezione dei “gruppi a rischio”.

      Nella prima fase della certificazione, le sostanze biocida devono essere certificate come “sostanze attive” e aggiunte alla “Union list”. Questo passo è stato già compiuto per il Biossido di Cloro, come parte della precedente normativa “EU Biocidal Products Directive 98/8 EC”.

      Nella seconda fase della certificazione, i prodotti biocidi contenenti tali sostanze attive o utilizzati come precursori sul mercato per le produzioni in situ, come il biossido di cloro, devono essere registrate e certificate in ciascun paese dell’Unione Europea.

      I dettagli completi dell’intero processo di certificazione per le produzioni in situ di cloro non sono stati ancora del tutto svelati, poiché discussioni riguardo i sistemi tecnologici utilizzati per la generazione di cloro sono ancora in corso nella Commissione Europea.

      Il processo di certificazione di una sostanza come prodotto biocida può iniziare solamente quando la sua sostanza attiva biocida è stata inserita nella Union List.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ABC legionella

Il nostro Ebook introduttivo per una corretta Prevenzione